Invito a teatro con Mamimò, per “Peter Pan guarda sotto le gonne”

LOCANDINA-PETERPANGUARDASOTTOLEGONNE-2017-01
Oltre a ricordarvi lo sconto e le convenzioni per i soci Arcigay Gioconda con la compagnia Mamimò, vi informiamo che dopo lo spettacolo di giovedì 30 marzo – ore 21:00, seguirà un piccolo incontro/dibattito sul tema, in cui saranno presenti:
  • Livia Ferracchiati – autrice e regista dello spettacolo;
  • Kai Trevisan – membro del direttivo del Cassero LGBT center di Bologna;
  • dott.ssa Margherita Graglia – psicologa, psicoterapeuta e coordinatrice del Tavolo di contrasto all’omotransfobia e omonegatività del Comune di Reggio Emilia.

Modera l’incontro, Alberto Nicolini – presidente Arcigay Gioconda.


Prodotto dalla compagnia “The baby walk”, Peter pan guarda sotto le gonne è un viaggio alla scoperta della propria identità da parte di un bambino in un corpo di femmina e il primo capitolo della Trilogia sull’Identità. Peter ha undici anni e mezzo, lunghi capelli biondi ed è nato femmina. Ama il calcio ma, non appena qualcuno lo guarda, inge di giocare a pallavolo. Wendy ha tredici anni, è mora ed è molto brava con l’hula-hoop, ogni tanto fuma anche qualche sigaretta. Tra i due nasce un’intensa amicizia, qualcosa che ha che fare con la curiosità e l’attrazione, qualcosa che entrambi percepiscono e non sanno spiegarsi. A far luce, sarà Tinker Bell, una fata senza bacchetta magica, sboccata e scorretta, dai violenti cambi umorali, ma lҋunica vera conidente di Peter. L’incontro tra Tinker Bell e Peter dopo l’Ora di Chiusura nei Giardini di Kensington svelerà al bambino la sua vera natura. Peter sembra prendere consapevolezza di sé, ma tra i genitori che gli fanno presente che lui è una “femmina” e la sua Ombra che gli ricorda di essere “ un maschio”, arriva il momento in cui è il corpo ad avere la meglio: è il momento della prima mestruazione. Ma come si può crescere in un corpo che non ci rappresenta? Nel romanzo Peter Pan scappa di casa dopo aver sentito parlare i propri genitori del suo futuro e si rifugia nei Giardini di Kensington dove vive insieme agli uccelli, e mantiene, come loro, la capacità di volare propria di tutti i neonati. Non tutto quel che fanno gli uccelli però gli è possibile, poiché il suo corpo resta quello di un umano e allo stesso modo, quando prova a giocare con altri bambini si trova a non conoscere le loro regole. Si rivolge così al governatore dei Giardini: il Corvo Salomone, il quale gli spiegherà che la sua natura è quella di “mezzo e mezzo”: non esattamente un uccello, ma neppure completamente un bambino. La natura di “mezzo e mezzo” è diventata per noi una questione di identità di genere. Raramente si rilette sul fatto che le persone transgender non sono sempre state degli individui adulti, e che il disagio di avere un corpo che non rispecchia la percezione di sé, è una condizione che si origina in dai primi anni di vita.


Per altre informazioni sullo spettacolo, sulla convenzione riservata ai soci Arcigay Gioconda, sulle attività della compagnia Mamimò, e per prenotazioni per i biglietti, potete telefonare al 0522 383 178 o contattare la compagnia Mamimò su facebook o internet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...